**DEMO**
AL-023-2
Aurora-Felizzano Prima Categoria Girone H
Modifica
inviato da Demo 19/02/2017 alle ore 20:10

Auroracalcio-Felizzano 1-3

 

RETI: 25’ Calderisi (A), 29’ st Rota (F), 35’ st Belli (F), 46’ st Como (F).

 

AURORA (4-3-3): Franzolin 5.5 (37’ st Axinia sv), Cozza 6, Giordano 5.5, Berri 5, Maldonado 4.5, Bianchi 6, Llojku 6.5 (39’ st Penna sv), Cassaneti 6, Calderisi 6, Martinengo 6.5, Garofalo sv (19’ Porpora 6). A disp. Jafri, Bouamri, Xassan, Greco. 

 

FELIZZANO (4-4-2): Berengan 6, Aagoury 6, Cresta 5.5, Ghe 6.5, Cornelio 5.5, Ghezzi 6,  

Zamperla 6.5 (40’ st Banchelli sv), Belli 6, Giannicola 6, Garrone 5.5 (32’ st Como 6), Castelli 6 (Rota 7). A disp: Carradori, Maris, Longo, Mondo. All. Usai 6.5.

 

 

ARBITRO: Scavetto di Alessandria 5.5.

 

AMMONITI: 37’ Llojku (A), 3’ st Porpora (A), 33’ st Giordano (A).

 

ESPULSI: 15’ Maldonado (A), 44’ st Berri (A).

 

 

LA PARTITA:

 

Trasferta proficua per il Felizzano che ottiene tre punti importantissimi passando in casa dell’Aurora col risultato di 3-1. Dopo novanta minuti di battaglia su un campo reso pesante dal fango, dove non sono mancati duri scontri e numerose occasioni da gol, la compagine di Usai centra il bottino pieno. Un risultato che vale doppio perché ottenuto in rimonta: da 1-0 a 1-3. L’Aurora si presenta con la guida tecnica vacante, viste le recenti dimissioni dell’allenatore, e la squadra autogestita dagli uomini della panchina.

La gara comincia lenta per il quarto d’ora iniziale, fino al primo determinante episodio: al 16’ arriva infatti l’espulsione di Maldonado che atterra al limite dell’area Giannicola involatosi in contropiede.

L’inferiorità numerica non spaventa però l’Aurora che qualche minuto più tardi passa in vantaggio con Calderisi: punizione mancia dal vertice dell’area di rigore, traiettoria beffarda e Berengan battuto. Il vantaggio casalingo porta la gara fuori dallo stallo iniziale ma il primo tempo si chiude con sole due occasioni degne di nota: Zamperla per gli ospiti e Cassaneti per l’Aurora.

Le squadre rientrano dagli spogliatoi con gli stessi undici, eccezion fatta per Rota al posto di Castelli, cambio che risulterà decisivo per il Felizzano. È proprio l’attaccante a dare la scossa ai suoi: al 29’ realizza il gol del pareggio spingendo in rete di testa una palla vagante dopo due rimpalli su palo e traversa, svegliando la formazione ospite dal torpore. Passano pochi minuti ed ecco il vantaggio: al 35’ una punizione chirurgica di Belli che dal limite dell’area la mette all’incrocio. Allo scadere arriva addirittura il terzo gol: su azione di contropiede Giannicola lancia per Como che con un pallonetto supera il portiere fuori dai pali.

 

 

PAGELLE

 

Aurora

 

Franzolin 5.5 dura un tempo solo.

Cozza 6 un martello, corsa e sostanza.

Giordano 5.5 appare sottotono.

Berri 5 benino, ma fa e disfa da sè.

Maldonado 4.5 il peggiore, subito espulso.

Bianchi 6 lavoro sporco, sufficiente.

Llojku 6.5 corsa e stazza, grande grinta.

Cassaneti 6 regista stile pivot.

Calderisi 6 il solito vizio del gol.

Martinengo 6.5 tecnica e sgroppate in quantità.

Garofalo sv. 19’ Porpora 6 un osso duro, agonismo da vendere.

 

Felizzano

 

Berengan 6 deciso tra i pali e nelle uscite.

Aagoury 6 un vero pendolino, instancabile.

Cresta 5.5 a volte pasticcia, ma rattoppa.

Ghe 6.5 centrocampo chiavi in mano.

Cornelio 5.5 qualche sbavatura di troppo.

Ghezzi 6 pilone difensivo, combattente.

Zamperla 6.5 scombina gli avversari con le sue giocate.

Belli 6 gran punizione Juninho style.

Giannicola 6 al servizio della squadra anche quando non segna.

Garrone 5.5 sotto i suoi standard. 32’ st Como 6 fa calare il sipario.

Castelli 6 compitino pulito. Rota 7 l’arma in più del Felizzano.

All. Usai 6.5 bravo a crederci e nei cambi.