**DEMO**
Anche Barbie porta la 44
La bambola della Mattel ha partecipato da sempre al progresso sociale e culturale mondiale, contribuendo anche alla lotta contro gli stereotipi di genere
Modifica
Un’icona mondiale simbolo da sempre del progresso umano. Barbara Millicent Roberts, Barbie, ispirazione per la mostra al Museo delle culture di Milano è ora protagonista dal 15 aprile al 30 ottobre 2016 al Vittoriano di Roma. Simbolo universale della donna perfetta, Barbie non può essere considerata una semplice bambola. Nata il 9 marzo 1959 al NewYork International Toy Fair, ha sempre abbattuto ogni frontiera linguistica, sociale e culturale.
La mostra è stata prodotta da Arthemisia Group e 24 ore Cultura, con la collaborazione di Mattel e curata dallo storico del costume Massimiliano Capella. Barbie si è adeguata all’era moderna con l’introduzione di nuovi tipi di bambole dalle diverse corporature, wedding dolls e perfino della coppia reale inglese, William e Kate. Quest’icona è stata specchio di tutti gli sviluppi della moda internazionale: ha indossato un miliardo di abiti per 980 milioni di metri di stoffa. Ma Barbie è diventata recentemente anche simbolo della lotta agli stereotipi: incredibile, proprio lei! Se prima infatti le si associava l’idea di donna dal fisico alto e snello, simbolo di perfezione femminile, ora apprezziamo allo stesso modo la Barbie curvy, tall e petit. Il fascino della bellezza idealizzata è stato gradualmente sostituito dall’introduzione di bellezze diverse. Barbie ha a suo modo partecipato anche al processo di emancipazione della donna. Qualche esempio? Barbie Astronauta sfiorò la luna insieme a Neil Armstrong; Barbie Imprenditrice, ispirazione per le bambine moderne, ha contribuito col tempo ad abbattere gli stereotipi fra i sessi. La bambola è riuscita a superare confini continentali e temporali arrivando a rappresentare ben 50 diverse nazionalità e tradizioni. Durante i suoi 56 anni di vita si è sempre mantenuta al centro dei più importanti progressi sociali. Ciò l’ha resa immortale nella memoria di grandi e piccoli. internazionale: ha indossato un miliardo di abiti per 980 milioni di metri di stoffa. Ma Barbie è diventata recentemente anche simbolo della lotta agli stereotipi: incredibile, proprio lei! Se prima infatti le si associava l’idea di donna dal fisico alto e snello, simbolo di perfezione femminile, ora apprezziamo allo stesso modo la Barbie curvy, tall e petit. Il fascino della bellezza idealizzata è stato gradualmente sostituito dall’introduzione di bellezze diverse. Barbie ha a suo modo partecipato anche al processo di emancipazione della donna. Qualche esempio? Barbie Astronauta sfiorò la luna insieme a Neil Armstrong; Barbie Imprenditrice, ispirazione per le bambine moderne, ha contribuito col tempo ad abbattere gli stereotipi fra i sessi. La bambola è riuscita a superare confini continentali e temporali arrivando a rappresentare ben 50 diverse nazionalità e tradizioni. Durante i suoi 56 anni di vita si è sempre mantenuta al centro dei più importanti progressi sociali. Ciò l’ha resa immortale nella memoria di grandi e piccoli.